Arrivederci Giappone, vado a vivere a New York

Ed eccoci qui, dopo mesi di sfiancante attesa, di nuovo a far scatoloni. Ancora a impacchettare pezzi di vita, però questa volta, lascio il Giappone e sì, non è uno scherzo il titolo, vado a vivere a New York! 

Chi lo avrebbe mai detto, la Grande Mela?  Certamente non io. Io, che quando sono arrivata, credevo che la nostra permanenza nel paese del Sol Levante sarebbe stata ben più lunga. M’immaginavo qua per almeno 5 anni, ma anche 10, perché in fondo mi hai accolta bene caro Giappone. In fondo per  me, eri, e sei, casa. Questo però, è davvero un semplice arrivederci, perché questo posto fa parte della mia vita, della mia famiglia. É il paese dei miei figli e di mio marito, per ciò non potrebbe che essere diversamente.

Sopra ho scritto “finalmente” e no, non è un errore. Anzi, sebbene ora sia sommersa dai preparativi e non abbia molto tempo, sebbene a tutto ciò si aggiunga il fatto di essere sola a far qualunque cosa, insieme a due piccole pesti che, comunque, reclamano costantemente le mie attenzioni e una casa che, in ogni caso, in qualche modo, alla fine ci deve arrivare senza diventare un immondezzaio, malgrado ciò, sono contenta e vorrei che queste settimane che mancano terminassero domani. Svegliarmi  e come per magia trovarmi già a New York e no, non per il sogno americano. Piuttosto perché sono stati mesi difficili, fatti di alti e bassi, di momenti grigi, alternando giornate di sole ad altre ancora più cupe. Non è semplice vivere separati, soprattutto quando ci sono dei bambini. Alla lunga ci si chiede che senso abbia.


In uno dei primi post del 2018,  vi avevo accennato che, causa ulteriori cambiamenti, alla fine, solo Hiro si era spostato definitivamente a Tokyo. Quindi, avremmo fatto la spola per un po’, in attesa che si concretizzassero dei nuovi progetti che già si vedevano all’orizzonte. Così è andata e, ovviamente, la novità, che aleggiava nell’aria allora, era proprio questa. Un altro trasferimento, ma questa volta ben più lontano. Ecco perché, a volte, vi raccontavo su Facebook che andavo e venivo da Tokyo. Anche se, il più delle volte a venire a Kobe è stato mio marito, seppur solo per uno o due giorni al mese.
Siamo arrivati all’ultimo periodo con due destinazioni papabili, la California o New York. Alla fine, ma davvero davvero alla fine, dopo ch’eravamo convinti di finire a Los Angeles, colpo di scena e… Eccoci qui in partenza per la grande mela!

Non ho mai avuto il sogno americano, ma il lavoro di Hiro lo porta a spostarsi e dunque noi con lui. Ora per esigenze lavorative ci trasferiamo  in USA, dove resteremo per qualche anno. Ormai mi sa che devo realmente farci l’abitudine a questi spostamenti, perché sappiamo già che non sarà meta definitiva NY. Come detto, l’ America non ha mai rappresentato un mio desiderio, ma certamente so che non posso affatto lamentarmi. Sarà senza dubbio una bella esperienza e una grande opportunità per i bimbi. Già immagino che gran mix di lingue in casa; per Chris, il più grande, a farla da padrone c’è il giapponese, anche se parla e capisce senza problemi l’italiano, che sente da me costantemente. Il più piccolo invece, che ha 1 anno, ancora non dice quasi nulla, per cui sarà una bella scommessa, dato che si aggiungerà una terza lingua.

Non sono mai stata negli Stati Uniti, anzi, a dire il vero, non mi è mai interessato… Cosí questa é veramente un’ avventura. Ciò che conosco è quello che sanno un po’ tutti, che gli spazi sono immensi, che tutto è in formato gigante, che la sanità ti spenna vivo ecc… Il resto.. Surprise!



Cosa ne sarà di “Il profumo del tatami”? Ovviamente continuerò a scrivere su questo blog, come sui vari social legati, continuerò a raccontare di Giappone, ma non solo… Va da sé che, in qualche modo, questo mio angolo d’oriente cambierà un po’ volto. Sullo sfondo resterà sempre il Sol Levante, perché anche se lo lascio fisicamente, non lo faccio col cuore, perché la mia famiglia è legata questo posto, che ha sempre caratterizzato questo blog. Ovvio però che, vi racconterò anche di quest’avventura americana, inoltre voglio allargare lo sguardo al resto dell’Asia, attraverso una nuova sezione che partirà tra ottobre e novembre.
Spero che comunque non mi abbandonerete, ma continuerete a leggermi!

Insomma, periodo di cambiamenti, che si rifletteranno anche sul blog. Un blog a metà fra Oriente e la Grande Mela. A presto e questa volta da New York!



Related posts

Lasciami un commento! Ti è piaciuto questo articolo?