VOGLIA DI CUCINA GIAPPONESE? YAKIUDON

Avevo iniziato una sezione dedicata alle ricette nel blog, poi però fin’ora ne ho inserite poche e niente. Beh.. che ne direste ora di provare qualcosa di giapponese?? Magari qualcosa che non si trova frequentissimamente al ristorante (almeno in Italia)? Avete mai sentito parlare degli Yakiudon?? Tra l’altro so che qualcuno, dopo un mio post della pagina facebook, la stava aspettando…non mi ero dimenticata ehh!

Per facilitarvi vi metto la foto dei vari ingredienti, dove potrete vedere anche come sono scritti in giapponese, vi riporterò l’eventuale dicitura anche più sotto. Per i vegetariani o non amanti della carne volendo, potreste fare una piccola variante.. del tipo solo verdure, oppure verdure&gamberetti! Tenete conto che le dosi sono indicative, io mi regolo ad occhio, per cui seguite un po’ anche il vostro gusto.

Pronti?? allora YAKIUDON sia!

INGREDIENTI:

– 1 confezione di udon precotti (うどん) a testa. Non crescono, ecco perché una per persona, mi raccomando…non fatevi venire la malsana idea di tagliarli per cucinarli. Quelli precotti li riconoscete facilmente, non sono “secchi” bensì si presentano proprio come in foto, questo panetto di pasta appiccicoso.

– 2 carote

– 1/4 di cavolo cappuccio bianco

– straccettini di maiale sottilissimi.Quelli che vedete in foto sono circa 200 gr sottili tipo carpaccio per intenderci.. Se non trovate nulla di così sottile, potreste optare per della lonza che vi suggerisco di tagliare in pezzi più piccoli. Come scritto sopra, per eventuali vegetariani o non amanti della carne, solo verdure o eventualmente potreste provare coi gamberetti..

-salsa per yakisoba (焼きそば). A me piace molto, anzi direi forse quasi di più, anche con la salsa per okonomiyaki (お好み焼き)

-maionese a piacere (opzionale)

PROCEDIMENTO:

Tagliate le verdure a listarelle sottili, come in foto, che metterete poi a cuocere in una padella bassa e ampia, o in un wok, con un filo d’olio. Aggiungete un pochino d’acqua, solo il necessario per non fare attaccare tutto.

Quando le verdure inizieranno ad essere morbide, aggiungete la carne (ricordatevi, qualora si tratti di bistecchine di lonza, di tagliarle in pezzi più piccoli), dopo pochi minuti mettete gli udon. Vedrete che una volta tirati fuori dal loro sacchettino, vi ritroverete fra le mani un quadrato di pasta tutto appiccicato e tendente al colloso, mettetelo in padella così com’è. Non dovete tagliarlo, cercare di separarli e nemmeno bollirli. Ogni tanto girate e vedrete che la pasta si separerà. Se vedete ch’è veramente asciutta mettete un filo d’acqua. Dopo 3/4 minuti il vostro piatto è pronto! Vi basterà aggiungere la salsa yakisoba (焼きそば), per il quantitativo dipende dal vostro gusto, per cui assaggiate! Se gradite, potrete mettere sopra a piacere- magari fatelo una volta fatti i piatti così ognuno è libero di scegliere se aggiungerla o no- un po’ di maionese. Et voila gli yakiudon!!

Ovviamente le salse e gli udon non avrete problemi a trovarli nei negozi che vendono prodotti giapponesi. Dato il tipo di salsa e pasta, in Italia, a meno che le cose non siano cambiate in questi 2 anni, non li troverete nei classici supermercati. Per ciò, per chi fosse a Milano, vi consiglio di andare da “Kathay”, ha 3 punti vendita, il migliore in assoluto si trova in zona Chinatown. Io andavo sempre là. Comunque ricordo che avevano anche la possibilità di ordinare online, al limite date uno sguardo al loro sito. Per chi invece si trova a Parigi, andate in uno nei minimarket asiatici dietro l’Opéra, nel quartiere giapponese, Rue Saint Anne e dintorni.

E ora pronte le bacchette??? Buon appetito, いただきます!

Related posts

3 Thoughts to “VOGLIA DI CUCINA GIAPPONESE? YAKIUDON”

  1. serena

    sembra invitante la tua ricetta mi hanno parlato di una salsa che si chiama uasabi la conosci?

    1. Certo, il wasabi è famosissimo, la trovi pure all’esselunga. Usato per il sushi ed è piccantissimo

  2. Gnam gnam sembra buona! Ora la stampo e tenterò di farla il mese prossimo che sono in ferie. Per fortuna qualcosa di diverso dal solito sushi!

Lasciami un commento! Ti è piaciuto questo articolo?